CERCA
CERCA NEL SITO
Archivio Domande

Lieve dilatazione aorta ascendente

Salve, in occasione di una visita medico-sportiva mi è stato riscontrato quanto in oggetto. Inizialmente si sono riservati di darmi l'idoneità poi me l'hanno data dicendo che i miei parametri rientrano nei parametri di legge seppur al limite consntito. Vi riporto di seguito tutti i parametri dell'ecocardiogramma.

Maschio: 35 anni
Non fumatore, mai percepiti giramenti di testa o sensazione di pressione alta.
Altezza: 1,82
Peso: 88 kg
S.C.: 2.09 (non so cosa sia)
Pressione rilevata il giorno dell’ecocardiogramma: 85 la minima, 130 la massima.
Sto rilevando mattina/sera da due giorni: sempre 80 la minima, 110 la massima.
Indicazioni: familiarità cardiopatia (mio padre ha subito due ictus, primo con totale recupero, secondo con attuale danno celebrale e conseguente incapacità dell’uso della parola. Lieve insensibilità e invalidità parte six).

Esame monodimensionale: V.N.
Ventricolo destro Diametro telediastolico: 0.00 (< 27) mm
Ventricolo sinistro Diametro telediastolico: 54.00 (34-57) mm
Ventricolo sinistro Diametro telesistolico: 32.00 (22-34) mm
F.E.: 65.88 (>52)%
Accorciamento percentuale: 40.74 (>30)%
Setto inteventricolare: 10.00 (7-11) mm
Parete posteriore: 10.00 (7-11) mm
Aorta: 37.00 (20-37) mm
Atrio sinistro: 40 (19-40) mm
Massa (g.): 244.00 m (< 135 g/m^2)
Massa indicizzata (g/ m^2): 116.70 f (< 110 g/m^2)

Esame bidimensionale:
Ventricolo sx di normali spessori, dimensioni e cinetica con conservata funzione sistolica globale. Atrio sx, radice aortica e sezioni destre nella norma. Lieve dilatazione dell’aorta ascendente (38 mm). Nella norma gli apparati valvolari e la giunzione pericardica. Vena cava di normali dimensioni con conservate escursioni respiratorie.

Esame Doppler: Non flussi patologici.

Conclusioni: ventricolo sx di normali dimensioni con conservata funzione sistolica globale. Lieve dilatazione dell’aorta ascendente.

Avrei piacere di capire le seguenti cose:
1) di cosa si tratta globalmente
2) l'entità della cosa e se è necessario cosa devo effettuare
3) Devo intervenire cambiando le mie abitudini? Io faccio il Professore la mattina, Insegnante di nuoto la sera (fuori dalla vasca) 3 volte la settimana, mi alleno/gioco a calcio due volte la settimana, mi alleno in palestra 3 volte la settimana (tonificazione parte superiore senza carichi massimali, mantenimento arti inferiori)).
La ringrazio anticipatamente per la sua eventuale disponibilità.


Risposta

buongiorno signore,
intanto mi scuso poichè pur avendo inviato già 5 giorni fa la mia risposta, evidentemente per un problema telematico non mi risulta ancora inviata.
intanto qualche chiarimento sul problema della dilatazione dell'aorta: l'aorta è l'arteria più grande dell'organismo e come tutti i vasi può andare incontro a dilatazione. la dilatazione è un aumento dei diametri del vaso in forma omogenea e spesso viene nel comune sentire confusa con l'aneurisma che è cosa del tutto diversa e di altro significato. le dimensioni dell'aorta per comodità e per convenzione vengono stabilite grosso modo nelle misure che lei mi ha mandato ma va fatto presente che sono diverse a seconda delle "dimensioni" del soggetto e lei sembrerebbe un omone per cui è lecito aspettarsi qualcosa in più senza che ciò sia anormale. infine le dimensioni dell'aorta cominciano ad essere un problema da monitorizzare quando superano i 40 mm e van verso i 45 mm. pertanto in questa fase mi pare che lei non necessiti di provvedimenti particolari.
infine vi sono delle cose che tendono a favorire la dilatazione dell'aorta:
fattori congeniti ( che non hanno nulla a che vedere con le problematiche familiari che lei mi ha esposto)
ipertensione arteriosa ( che al momento non mi sembra sia un suo problema.
per quel che riguarda lo sport da quel che lei mi scrive non vedo motivo di vietare alcunchè; mi sentirei però di suggerirle di spostare di più la sua attività verso sport aerobici e non isometrici. per esempio proprio il nuoto che ha tra l'altro il vantaggio di tonificare i muscoli pur eseguendo uno sport aerobico.
sul piano strettamente medico ricontrollerei l'ecocardiogramma fra due anni o , se la cosa le crea ansia , fra un anno e se la situazione resta la stessa lo ripeterei fra 5 anni. spero di essere stato esauriente e mi scusi ancora per il ritardo peraltro non voluto


SITO "AL CUOR NON SI COMANDA"
ANMCO - Per il Tuo cuore - Campagna al Cuor non si comanda
Cardiologie Aperte
ANMCO - Per il Tuo cuore - Archivio ricette
5 x 1000
ANMCO - 5 x 1000
Newsletter
Condividi su
Segui la Fondazione "per il Tuo cuore" Onlus


Fondazione "per il Tuo cuore" - HCF ONLUS
Via A. La Marmora, 36 50121 Firenze (Italy)
Partita I.V.A. 05089700487
Codice Fiscale 94070130482