NON SEI ANCORA REGISTRATO?

REGISTRATI

AREA RISERVATA

Recupera password

Fibrillazione atriale

Buonasera mi è capitato di soffrire sporadicamente di fibrillazione atriale vagale notturna con 56 battiti quindi non elevati.Pratico ciclismo agonistico e hotler ecocardio e risonanza magnetica cardiaca rilevano solamente un cuore"ingrandito" dovuto come dicono allo sport.Il cardiologo che mi sono rivolto mi ha riferito che posso continuare a gareggiare non mi ha fornito alcuna terapia e se questa aritmia dovesse comparire più spesso potrei ablarmi.Volevo solo sapere se mi allenassi meno intensamente questa fibrillazione regredirebbe?

Risposta

Buongiorno. Non dovrebbe esistere una relazione diretta tra i suoi allenamenti e gli episodi di fibrillazione atriale, che peraltro non avvengono mentre lei si allena. La sua domanda pero' non è molto precisa, perchè l'HOLTER non è un esame che vede le dimensioni del cuore, ma piuttosto le aritmie; mentre lei dice l'HOLTER segnala cuore ingrandito (quindi se le restano altri dubbi puo' scriverci ancora). Le suggerisco di effettuare un test da sforzo (= ECG DA SFORZO) per vedere se durante sforzo compaiono episodi di aritmia. Infine, l'indicazione all'ablazione (come mi pare che le abbiano già detto) dipende anche dal numero degli episodi: se sono molto sporadici (cioè se capitano molto ma molto di rado, e se sono di breve durata - la durata degli episodi si puo' vedere dall'Holter) non è necessario sottoporsi all'ablazione. Cordiali saluti.