NON SEI ANCORA REGISTRATO?

REGISTRATI

AREA RISERVATA

Recupera password

Fibrillazione atriale

Buona sera sono uno sportivo di 40 anni che pratica ciclismo a livello agonistico e da circa due anni mi si presentano degli episodi di fibrillazione atriale vagale con frequenza cardiaca di 56 btm questo sempre di notte mentre dormo lo ho accertato quando l'ultima volta piu per curiosità di questi miei battiti irregolari che io attribuivo a delle banali extrasistoli mi sono presentato al pronto soccorso e di conseguenza trattato farmacolagicamente con conseguente aritmia rientrata e battito di nuovo sinuoisale, mentre le altre volte che mi erano comparsa questa aritmia svaniva da sola nell'arco di due ore.Ho parlato con un aritmologo e lui mi ha spiegato che questi miei episodi sono dovuti ad un cuore d'atleta con un ipertonovagale( premetto che ho fatto hotler, ecocardio color che ha evidenziato sia gli atri che il ventricoli sx moderatamente dilatati e dei piccoli rigurgiti alle quattro valvole sempre dovuto come hanno scritto ad un cuore d'atleta. Fatto pure risonanza magnetica con contrasto tutto ok).Il cardiologo ha detto che posso tranquillamente continuare a far gare e se proprio dovessero piu fastidiose e comparire più frequentemente fare ablazione transcatetare.Secondo lei è valida come diagnosi? Premetto che ultimo hanno ho avuto tre episodi due da due ore e ultimo di circa quindici minuti rientrato spontaneamente si potrebbe anche attribuire a dei pasti abbondanti di sera e corricarsi subito dopo aver cenato? Perché quando mi capitano fatalità avevo cenato abbondantemente .....mi scusi ma sono un po' confuso e non so' veramente a cosa attribuirle grazie.

Risposta

In realta' la fibrillazione atriale parossistica non e' un evento pericoloso, lo diventa se persiste e dura piu' di 48h perche' ha associato il rischio di sviluppare emboli ischemici. Alla sua eta' non e' ancora indicata una terapia anticoagulante ed e' giusto quello che le ha detto il cardiologo che ha una origine da ipervagotonia. Purtroppo l'attivita' fisica tendera' a perpetuare questa condizione con il rischio che gli episodi diventino piu' frequenti. Il mio consiglio e' simile a quello che le e' già stato dato. Se gli episodi occorrono piu' di 5-6 volte l'anno e' indicata l'ablazione TC