NON SEI ANCORA REGISTRATO?

REGISTRATI

AREA RISERVATA

Recupera password

La Ricerca no profit, la Ricerca ANMCO/HCF

Il Centro Studi ANMCO svolge prevalentemente studi pensati, disegnati, condotti e analizzati autonomamente, nel contesto della ricerca no profit.

In base al D.M. del 17 dicembre 2004 si intende per ricerca no profit una sperimentazione non finalizzata né utilizzata allo sviluppo industriale del farmaco o comunque a fini di lucro, ma che mira invece al miglioramento della pratica clinica; tale obiettivo deve essere garantito dalla rilevanza del protocollo, dalla particolarità della patologia e dalla tipologia del trattamento.

Un progetto di ricerca può essere proposto dalle Aree cliniche dell’ANMCO, da qualsiasi membro dell’Associazione o anche da esterni. Ciascuna proposta viene valutata da un punto di vista metodologico da un Comitato Scientifico: se ritenuta scientificamente e metodologicamente valida e se sono a disposizione le risorse necessarie per concretizzarla, il Centro Studi ANMCO inizia ad occuparsi della gestione dello studio, assicurando che questo venga condotto con accuratezza tecnica e scientifica.

I fondi per coprire le spese della gestione di un protocollo possono provenire da donazioni di pubblici o privati, da bandi di concorso (pubblici o privati) o da contratti di ricerca. Anche un’industria farmaceutica può finanziare un progetto di ricerca approvato dal Comitato Scientifico: in questo caso viene stipulato un contratto nel quale è sempre riportato che la Fondazione per il tuo cuore - HCF, di cui il Centro Studi fa parte, avrà la proprietà del database e la libertà di pubblicare i risultati, senza vincoli di censura.

La Fondazione per il tuo cuore HCF Onlus ha tra i suoi obiettivi quello di promuovere e sostenere la Formazione alla Ricerca, per mezzo della definizione di specifici percorsi formativi.

Collaborazioni con altri Enti

Il Centro Studi ANMCO collabora con istituti indipendenti, quali il Ministero della Salute, il National Institute of Health (NIH) e la Società Europea di Cardiologia (ESC). In collaborazione con queste due Istituzioni il Centro Studi ANMCO ha gestito interamente o coordinato la componente italiana di studi multinazionali da queste promossi. Con il Ministero della Salute, Agenzia Italiana del farmaco, il Centro Studi ANMCO ha collaborato per il coordinamento di alcuni registri quali l’Osservatorio Nazionale sulle Sperimentazioni Cliniche, settore cardiovascolare ed il registro per il farmaco innovativo Ivabradina.

Grazie ad un consolidato network di centri clinici e all’esperienza nella gestione delle attività legate ai progetti di ricerca, il Centro Studi ANMCO ha anche coordinato la parte italiana di progetti internazionali pianificati dall’industria farmaceutica.

Studi GISSI

L’ANMCO assieme all’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri è promotore degli Studi GISSI (Gruppo Italiano per lo Studio della Sopravvivenza nell’Infarto miocardico). La peculiarità degli studi GISSI è quella di aver adottato una diversa strategia di ricerca: protocolli molto semplici con pochi criteri di inclusione/esclusione, coinvolgimento di un grande numero di ricercatori su tutto il territorio nazionale.

All’inizio degli anni ’80 il Gruppo GISSI accolse la sfida di applicare questo approccio all’ipotesi più attraente di quel momento: la possibilità di ripristinare la circolazione coronarica con un farmaco trombolitico. Il primo di questi grandi studi risale al 1984 e a quello ne sono seguiti altri sei, gli ultimi due dei quali (GISSI Heart Failure e GISSI Atrial Fibrillation) si sono conclusi nel 2008. Per questi ultimi il Centro Studi ANMCO ha svolto il ruolo di centro di coordinamento.

Archivio Piani di Ricerca